Studio Privacy

Google rinvia di due anni lo stop ai cookie di terze parti

Home »  Cookie Law »  Google rinvia di due anni lo stop ai cookie di terze parti

Google rinvia di due anni lo stop ai cookie di terze parti

On giugno 28, 2021, Posted by , In Cookie Law,Sito web, With No Comments
Google posticiperà il proprio piano per il blocco dei cookie di terze parti, la rimozione delle tecnologie di tracciamento delle abitudini di navigazione sul web criticata da editori, operatori pubblicitari e aziende che sarebbero stati privati di un importante strumento della comunicazione e verosimilmente di parte dei propri ricavi. Secondo la nuova roadmap, il browser Google Chrome non supporterà più i cookie di terze parti dalla fine del 2023, quasi due anni più tardi rispetto ai piani originari dell’azienda, che all’inizio puntava ai primi mesi del prossimo anno.Google rimanda al 2023 l’eliminazione dei cookie di terze parti da Chrome

Con l’iniziativa della “Privacy Sandbox“, Google aveva annunciato la rimozione dei cookie per una serie di motivi: diffusione di una maggiore attenzione ai temi della privacy, le nuove norme che rendono più difficile il tracciamento e anche la direzione già presa da alcuni concorrenti, fra cui Apple che ha già introdotto da tempo strumenti antitracciamento nel proprio browser Safari.

La protesta del mondo pubblicitario ha però riguardato il fatto che Google, con Chrome, ha la maggior parte del mercato ed eliminare questo strumento senza un’alternativa valida sarebbe stato dannoso per l’intero settore. Senza contare che comunque Google, raccogliendo la maggior parte degli utenti di Internet non sarebbe stato toccato dalla modifica, non avendo assolutamente bisogno dei cookie di terze parti per conoscere i navigatori e proporre loro pubblicità mirata.

L’azienda ha spiegato in un comunicato che la decisione le darà più tempo per rassicurare gli editori, l’industria pubblicitaria e le autorità di regolamentazione in merito alle nuove tecnologie che sta sviluppando e testando, per consentire ugualmente una pubblicità mirata. «Anche se ci sono stati notevoli progressi in questo progetto, è diventato palese che serve più tempo in tutto l’ecosistema per fare le cose per bene», ha aggiunto l’azienda.

La società ha proposto come alternativa la possibilità di targetizzare gli utenti non singolarmente ma in quanto appartenenti ai grandi gruppi di interesse attraverso le cosiddette Federated Learning of Cohorts (FLoC), ma il test europeo non è cominciato per dubbi sull’aderenza di questa soluzione con la normativa sulla privacy.

Questa settimana, l’Unione europea ha ufficializzato una verifica sui piani dell’azienda di rimuovere i cookie come parte della maxi indagine sul presunto abuso di potere da parte dell’azienda nel mercato delle tecnologie pubblicitarie. Nel frattempo, Google si è impegnata con l’autorità antitrust del Regno Unito a fornire un preavviso di almeno 60 giorni prima di rimuovere i cookie per permettere una revisione della decisione, una proposta avanzata per chiudere un’indagine analoga a quella dell’Ue.

Google ha posticipato la fine dei cookie

In questo caso, l’indagine è scaturita dalle lamentele secondo cui la rimozione dei cookie da parte di Chrome darà un vantaggio agli annunci sui prodotti di Google, come YouTube o il motore di ricerca omonimo, dove Google sarà ancora in grado di eseguire il targeting a livello individuale, come detto prima.

Google svolge un ruolo centrale nell’ecosistema della pubblicità online. Possiede alcuni degli strumenti più utilizzati per mediare la vendita di annunci sul web, molti dei quali vengono visualizzati tramite Chrome, il browser web più utilizzato, con quasi il 65% del mercato a livello globale, secondo Statcounter.

Fonte: Italia Oggi del 25 giugno 2021

Condividi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

Inserisci il tuo nome

Inserisci un indirizzo email valido

I tuoi dati saranno utilizzati secondo quanto descritto nell'informativa della privacy del sito web.